PRATICHE ONLINE

Camera del Lavoro Territoriale – CREMONA

Chi siamo

L’Inca (Istituto Nazionale Confederale di Assistenza) nasce l’11 febbraio 1945 in occasione del I° Congresso della Cgil. La sua missione è quella di difendere i diritti dei lavoratori, delle lavoratrici e di tutti i cittadini italiani, anche residenti all’estero e contribuire a riformare la legislazione sociale per realizzare un sistema di protezione basato sui principi di uguaglianza e libertà. Nel 1947 una legge dello Stato italiano ha riconosciuto il ruolo e la funzione degli Enti di patronato attribuendo ad essi il compito di assistenza per il riconoscimento dei diritti in base alle normative in materia di: previdenza, salute e benessere nei luoghi di lavoro, infortuni e malattie professionali e prestazioni socio assistenziali.

La legge n. 152 del 2001, aggiornando la disciplina degli Istituti di patronato e confermandone le funzioni, ha previsto nuovi campi di intervento. Nel 2008 un nuovo Regolamento ha ulteriormente esteso gli ambiti d’azione.
Oggi l’Inca Cgil è il primo patronato in Italia e all’estero per volume di attività; contatta ogni anno oltre 5milioni di persone in Italia e 600mila connazionali residenti all’estero.
L’Inca rappresenta una delle quattro verticalità del Sistema Servizi Cgil, composto da Sol (Servizi Orienta Lavoro), Uvl (Uffici Vertenze) e Caaf Centri di Assistenza Autorizzata Fiscale).
Inoltre, l’Inca fa parte integrante del Coordinamento patronati (Ce.Pa) insieme a Inas, Ital e Acli che rappresenta la sede unitaria dei maggiori patronati italiani di emanazione sindacale per l’elaborazione di proposte migliorative del sistema previdenziale e di welfare anche nel confronto con gli Istituti di previdenza pubblici italiani.

DIRETTORE PROVINCIALE

Angela  Tolassi

No posts found.

I nostri servizi


PREVIDENZA

L’area della previdenza è tradizionalmente al centro dell’intervento dell’Istituto, che si ènaccreditato negli anni come punto di riferimento per le tematiche che riguardano la vita lavorativa, l’accesso alla pensione e la gestione dei trattamenti pensionistici.

L’attività che l’Inca  svolge in quest’area ha subito nel corso degli ultimi anni significative trasformazioni. All’assistenza di tipo tradizionale, incentrata sulla compilazione e presentazione delle diverse domande tese ad ottenere le prestazioni, si sono affiancati interventi adeguati   alle modifiche del quadro normativo di riferimento, in materia di trattamenti previdenziali obbligatori e complementari; alla comparsa di nuove figure lavorative (lavoratori a progetto, soci lavoratori di cooperative, collaboratori occasionali, lavoratori a partita Iva); all’instabilità del mercato del lavoro, acuita negli anni dalla crisi economica e globale.

L’attività si va oggi configurando sempre più come consulenza globale per tutto ciò che riguarda il percorso previdenziale individuale, per previdenza obbligatoria e complementare. L’assistenza e la tutela individuale, che l’Inca offre supporta le persone per tutto l’arco della vita. L’Inca, dunque, è al fianco dei suoi assistiti in ogni evento della vita con un’offerta specifica di servizi per ciascuno di essa.


SALUTE E BENESSERE

Nell’ambito dell’attività riguardante la salute nei luoghi di vita e di lavoro, l’Inca sin dalle origini ha caratterizzato la sua azione per contrastare il fenomeno degli infortuni e l’emersioen delle malattie professionali. In particolare, il patronato della Cgil offre informazione e stimolo alla promozione della cultura della salute e del benessere nei luoghi di vita e di lavoro, nei confronti di tutte le persone e, in particolare, dei lavoratori, in stretta relazione con le politiche di prevenzione degli infortuni sul lavoro della Cgil. Garantisce l’assistenza nel far valere i diritti nei casi in cui il lavoratore abbia subito un danno alla sua salute a seguito di infortunio sul lavoro e/o di una malattia professionale. Inoltre la sua attività è finalizzata a contrastare  il lavoro nero, a denunciare eventuali violazioni delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e alla promozione per il potenziamento dei servizi di controllo. A questo proposito, si ricorda l’impegno profuso presso gli Enti istituzionali per la revisione e l’aggiornamento delle tabelle delle malattie professionali nonché per la semplificazione amministrativa di alcune forme di tutela delle vittime di infortuni e malattie professionali.Per svolgere queste azioni l’Inca può contare sulla professionalità della rete di legali e medici convenzionati, formata da 570 professionisti, che prestano la loro attività a favore dei soggetti colpiti da danni da lavoro e da danni alla salute assistiti dall’Inca.

MIGRAZIONE

Sin dai primi anni cinquanta, l’Inca si è adoperata in favore dei nostri connazionali emigrati, operando per favorire la loro integrazione sociale nei Paesi esteri ospitanti e sviluppando rapporti di collaborazione con i sindacati, le Autorità e gli Enti previdenziali locali.

Con la sua attività ha avuto un ruolo decisivo nel promuovere il riconoscimento dei diritti per gli italiani residenti all’estero (cittadinanza, previdenza, accesso alla tutela sanitaria), creando uno stretto rapporto con le comunità degli italiani all’estero, come testimonia il fatto che l’Inca è radicata negli organismi di rappresentanza, come il Cgie (Consiglio Generale degli Italiani all’Estero).

Dopo la lunga stagione di emigrazione, in Italia l’ingresso dei cittadini stranieri è diventato un fenomeno strutturale e fondamentale per il nostro paese e contribuisce in maniera considerevole alla composizione del Pil nazionale e all’incremento delle nascite.

L’Inca ha saputo costruire una nuova interlocuzione con le Istituzioni italiane, quali il Ministero dell’Interno, le Questure, le Prefetture,  a vario titolo coinvolte nelle procedure di regolarizzazione dei migranti, svolgendo un’azione importante per la modifica delle normative in materia di migrazione.


ASSISTENZA ECONOMIA E SOCIALE

Gli interventi dell’Inca a favore della famiglia si connotano per l’assistenza alle persone nell’ottenere sia prestazioni economiche di natura assistenziale, connesse con lo Stato Sociale e destinate a integrare il reddito dei beneficiari, sia il riconoscimento del diritto ad astenersi dal lavoro per determinati periodi in occasione di maternità e paternità.In particolare, le principali tipologie di attività riguardano l’informazione e l’orientamento per accedere ai congedi parentali e alle prestazioni economiche e ai trattamenti economici a sostegno del reddito familiare e individuale; supporto medico- legale e legale nel riconoscimento dell’invalidità e delle relative prestazioni economiche.

Dove e Quando

Cremona

Via Mantova, 25
Tel: 0372-448600
Mail

Lunedì e Giovedì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00
Martedì, Mercoledì e Venerdì dalle 8.30 alle 12.30


Crema

Lunedì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.00
Mercoledì dalle 8.30 alle 18.30
Martedì, Giovedì e Venerdì dalle 8.30 alle 12.30


Soresina

Lunedì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00
Mercoledì e Giovedì dalle 8.30 alle 12.30


Casalmaggiore

Martedì dalle 14.00 alle 18.00
Mercoledì e Venerdì ore dalle 8.30 alle 12.30
nel pomeriggio su appuntamento
Giovedì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00


Zona Crema

Spino D’adda

Tel. 0372/448685

Lunedì dalle 10.30 alle 12.00
Mercoledì dalle 14.00 alle 16.00
Venerdì dalle 8.30 alle 10.00


Rivolta d’Adda

Tel. 0372/448653

Lunedì dalle 9.00 alle 11.00


Pandino

Tel. 0373/91480

Mercoledì 16.30 alle 18.30
Venerdì dalle 10.30 alle 12.00


Zona Casalmaggiore

Piadena

Tel. 0372/448687

Martedì dalle 9.00 alle 12.00


Zona Soresina

Pizzighettone

Tel. 0372/448683

Martedì dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 13.30 alle 17.30
Venerdì dalle 8.30 alle 12:00


Castelleone

Tel. 0372/448691

Mercoledì dalle 8.30 alle 12.00


Soncino

Tel. 0372/448730

Venerdì dalle 14.30 alle 17.30 su appuntamento

CGIL Cremona

Via Mantova, 25 – 26100 Cremona | e-mail: cdltcremona@cgil.lombardia.it | telefono +39 0372 448 600/601 | fax +39 0372 452984 | Informativa Privacy